È il momento di utilizzare metodi di valutazione alternativi per il settore edile?

  • Share
  • Print page

Che si tratti un’azienda locale o di una entità globale di grandi dimensioni, la valutazione del business edile è spesso stimato sulla base di molteplici entrate, essenzialmente fondate su una valutazione di breve periodo. Di conseguenza, le strategie di business con una visione di lungo periodo, come innovazione, energia, concessioni ed acquisizioni non sono considerate in modo integrale nella valutazione. Se gli esperti adottano un punto di vista di lungo periodo, usando altri metodi di valutazione che rendano più semplici la comprensione di queste strategie, questa differente prospettiva avrebbe un’influenza sul modo in cui le aziende vengono valutate?

Il nostro ultimo studio “How are major European construction groups performing?” ha mostrato un ritorno medio tra il 2,6% e l’8,9% annuale negli ultimi dieci anni, sulla base del campione di 15 gruppi europei.

Questo settore presenta certamente dei rischi peculiari propri, ma ha anche una certa quantità di attrattive: una certa stabilità nel livello dei risultati, una media di crescita del 4,1% annuale fino al 2020, l’impatto di paesi emergenti con la loro domanda pronunciata di infrastrutture, e una frammentazione ancora significativa nel settore (dato per assunto che 15 aziende leader rappresentano il 12% del mercato globale del settore edile), suggerendo che c’è opportunità di consolidamento.

Fino a che punto questi aspetti sono presi in considerazione dagli attori del mercato del settore edile?

In aggiunta alle analisi condotte per fusioni e acquisizioni e operazioni di due diligence in questo settore, abbiamo parlato con gli analisti finanziari e studiato i report di broker sui valori quotati del nostro campione. La valutazione delle concessioni d’affari è basata su specifici business model mentre altre attività (telefonia, ecc.) che non sono connesse con il settore edile non sono state incluse nella nostra analisi.

Solo la metodologia dei multipli di mercato è stata utilizzata per la valutazione nel settore edile

Fonte: Aswath Damodaran

Il livello dei multipli per questa attività resta più basso che in altri settori. Per l’EBITDA multiple, la differenza tra i settori Ingegneria/Costruzione e la media del mercato per tutti i settori è -16%. Solo nella zona Europa, il gap di valutazione è simile, con la differenza di -13% sul campione di 170 entità in Ingegneria/Costruzione.

Per il Price Earnings Ratio (PER), abbiamo trovato la differenza tra i settori Ingegneria/Costruzione e il mercato con una media di -20%.

Per scoprire tutti i dettagli, scaricate il nostro studio nella sezione Download!

Downloads

Share